Società Italiana Interdisciplinare per le Cure Primarie

IISPC - Italian Interdisciplinary Society for Primary Care
Linkedin
Facebook

Congresso Nazionale

9° CONGRESSO NAZIONALE SIICP; BARI, 23 – 25 settembre 2021

COME STA CAMBIANDO E COME CAMBIERà LA MEDICINA TERRITORIALE

Il sopravvenire della emergenza sanitaria dovuta al nuovo coronavirus SARS CoV-2 e al diffondersi della pandemia COVID-19, ha inciso in modo drammatico sulla vita delle persone e sugli equilibri sociali del paese ma ha anche svelato impietosamente criticità e limiti del SSN.
Da un lato si è compreso come anni di de-finanziamento del SSN e dei percorsi formativi in ambito sanitario (Corsi di laurea e Scuole di Specializzazione) si siano tradotti in infrastrutture e organi- grammi insufficienti e inadeguati, messi in grave crisi dalla acuzie pandemica.

Ancor più è emersa la inadeguatezza organizzativa e strutturale della Medicina Generale, già da tanti anni penalizzata dalla miopia delle alterne politiche sanitarie, con la macroscopica e cronica carenza di risorse (infrastrutture, infermieri, collaboratori di studio, diagnostica di primo livello…) e fanalino di coda in Europa sul piano degli standard tecnologico-strumentali (Building Primary Care in a changing Europe; European Observatory on Health System and Policies, WHO, 2015).

Tuttavia, l’emergenza sanitaria in corso ha contestualmente innescato una accelerazione “senza ritorno” di importanti processi di innovazione, dischiudendo lo scenario a nuove vie e nuove riflessioni per la completa revisione organizzativa e modernizzazione del sistema sanitario stesso. Quindi nell’immediato futuro bisognerà tornare ad investire strategicamente sulla sanità e sulla salute dei cittadini, avviando un processo di profonda ristrutturazione della Medicina Territoriale e non solo.

Ma è anche necessario profilare una nuova figura di Medico di Medicina Generale, tra digital skills e competenze cliniche di alto profilo adeguate alla complessità della domanda di salute.

Anche in quest’ambito la formazione non solo sarà fonte di sviluppo di conoscenze e competenze, ma sarà la leva strategica del cambiamento della professione e della sua organizzazione.

INTERNATIONAL FORUM – CORE COMPETENCES FOR THE FUTURE OF PRIMARY CARE

Già da prima della pandemia COVID-19 l’Europa stava sperimentando una crescente domanda di cure complesse, prevalentemente collegata ad un aumento percentuale della popolazione anziana con malattie croniche e multiple, a causa dell’invecchiamento globale della popolazione, dell’inquinamento ambientale, degli stili di vita malsani, delle disuguaglianze sociali, aumentando in modo critico la pressione sui bilanci della sanità pubblica e dell’assistenza sociale.Il tutto sullo sfondo di una pressione crescente a cui i sistemi sanitari sono sottoposti per la confluenza di una serie di fattori: crescente prevalenza di malattie croniche, cambiamenti demografici, innovazione digitale, budget limitati per l’assistenza sanitaria, sistemi istituzionalizzati obsoleti.

Tali criticità sono state rese maggiori e più evidenti dalle sfide della attuale crisi sanitaria globale conseguente alla pandemia da COVID-19 ma al tempo stesso le trasformazioni digitali stanno facilitando i sistemi sanitari rendendoli più efficaci, accessibili e resilienti.Di qui la necessità da un lato di accelerare, promuovere e sostenere la diffusione dell’innovazione e degli strumenti digitali in sanità e di identificare buone pratiche di digitalizzazione ed integrazione delle cure; dall’altro di profilare e definire le nuove attitudini e le nuove competenze degli operatori sanitari del futuro.

AREA RISERVATA